Prezzo carburanti: in Italia ancora aumenti, ma nel resto del mondo?

0
47

Ancora aumenti dei prezzi sulla rete carburanti italiana, probabilmente a causa dei disordini siriani. In base all’elaborazione di Quotidiano Energia di ieri 21 aprile osservavo i dati comunicati dai gestori nel mese corrente.

Riguardo al servito, per la benzina il prezzo medio praticato è di 1,658 euro/litro, con gli impianti colorati che vanno da 1,609 a 1,744 euro/litro (no-logo a 1,545), mentre per il diesel la media è a 1,512 euro/litro, con i punti vendita delle compagnie da 1,463 a 1,560 euro/litro (no-logo a 1,391). Il Gpl, infine, va da 0,611 a 0,634 euro/litro (no-logo a 0,609).

In prezzo praticato in modalità self della benzina invece è pari a 1,541 euro/litro, con i diversi marchi che vanno da 1,542 a 1,568 euro/litro (no-logo 1,515). Il prezzo medio praticato del diesel è pari a 1,391 euro/litro, con le compagnie che passano da 1,389 a 1,443 euro/litro (no-logo a 1,360).

Gli aumenti del prezzo consigliato delle compagnie si contano sull’ordine del 0.9 – 2 centesimi di euro, ma a fare la differenza sono le diverse tasse come ormai tutti sapete, le cosiddette accise che gravano ormai da decenni sulle nostre spalle, l’elenco completo comprende:

  • 1,90 lire (0,000981 euro) per il finanziamento della guerra d’Etiopia del 1935;
  • 14 lire (0,00723 euro) per il finanziamento della crisi di Suez del 1956;
  • 10 lire (0,00516 euro) per la ricostruzione dopo il disastro del Vajont del 1963;
  • 10 lire (0,00516 euro) per la ricostruzione dopo l’alluvione di Firenze del 1966;
  • 10 lire (0,00516 euro) per la ricostruzione dopo il terremoto del Balice del 1968;
  • 99 lire (0,0511 euro) per la ricostruzione dopo il terremoto del friuli 1976;
  • 75 lire (0,0387 euro) per la ricostruzione dopo il terremoto dell’irpinia del 1980;
  • 205 lire (0,106 euro) per il finanziamento della guerra dell’Libano 1983;
  • 22 lire (0,0114 euro) per il finanziamento della missione in Bosnia del 1996;
  • 0,02 euro per il rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri del 2004;
  • 0,005 euro per l’acquisto di autobus ecologici nel 2005;
  • 0,0051 euro per far fronte al terremoto dell’Aquila 2009;
  • da 0,0071 a 0,0055 euro per il finanziamento alla cultura nel 2011;
  • 0,04 euro per far fronte all’arrivo di immigrati dopo la crisi libica del 2011;
  • 0,0089 euro per far fronte all’alluvione che ha colpito la Liguria e la Toscana 2011;
  • 0,082 euro (0,113 sul diesel) per il decreto “Salva Italia” nel dicembre 2011;

Da precisare che dal 1999 un decreto legislativo permette alle varie Regioni di imporre una accisa autonoma sulla benzina. A tutto questo si somma la cosiddetta imposta di fabbricazione sui carburanti, che porta il totale finale a 72,42 cent per litro per la benzina verde e 61,32 cent per il gasolio IVA esclusa. Aggiunta anche questa, al 22%, si ottengono 88,35 cent sempre per la benzina e 74,81 cent per il gasolio.

Una lista che non finisce più praticamente; ma come se la cavano gli altri paesi?

Francia: prezzo medio benzina 1.52, prezzo medio diesel 1.37

Germania: prezzo medio benzina 1.48, prezzo medio diesel 1.25

Regno Unito: prezzo medio benzina 1.52, prezzo medio diesel 1.54

Russia: prezzo medio benzina 0.70, prezzo medio diesel 0.66

Arabia Saudita: prezzo medio benzina 0.24, prezzo medio diesel 0.12

Stati Uniti: prezzo medio benzina 0.71, prezzo medio diesel 0.67

Ci sono grandi differenze, le nazioni più ricche hanno prezzi più alti, mentre le nazioni più povere e le nazioni che producono ed esportano petrolio hanno prezzi decisamente più bassi. Un’esclusione sono gli USA e l’Italia, i primi perché pur essendo una nazione avanzata economicamente hanno un prezzo del carburante basso (motivo per cui forse le loro auto hanno cilindrate esorbitanti), l’Italia invece ha prezzi del carburante di una nazione ricca, ma pensionati che rovistano nei cassonetti e milioni di persone senza lavoro…speriamo almeno di vincere questa maledetta guerra d’Etiopia.

 

 

Fonte: www.globalpetrolprices.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here