AltraVoce si fa sentire su The Crazy Radio – REPLICA

0
254

Ve lo avevamo promesso, e così è stato: AltraVoce non è un blog di passaggio, un progetto temporaneo. Ci abbiamo investito idee, speranze, desideri e tante energie. Ci abbiamo messo tutta la voglia di fare e di lavorare, ma soprattutto quella voglia di rappresentare davvero un’alternativa. Quell’alternativa che spesso l’uomo non vede per pigrizia o negligenza. Uno spunto riflessivo insomma, che si pone spesso in linea o in contrapposizione rispetto a quanto già c’è in giro. Il nostro scopo non è far notizia; la nostra finalità principe è riflettere e far riflettere sulle tematiche più delicate e attuali, che riguardano la società in cui viviamo.
E per questo motivo ci sentiamo di ringraziare chi, dal primo momento, ha creduto in noi. Grazie a tutti i collaboratori di The Crazy Radio e al suo giovane fondatore Davide De Palo, che ci ospiteranno nel loro programma del venerdì “The_Crazy_Radio_2.0”. Saremo i primi ospiti della nuova stagione, che già si preannuncia ricca ed interessante.
Nel corso della diretta, vi racconteremo il nostro progetto, le nostre intenzioni future e, soprattutto, potrete finalmente “ascoltare” questa tanto chiacchierata AltraVoce!

L’appuntamento è quindi fissato per oggi, a partire dalle ore 18.15, sulle frequenze web di The Crazy Radio.

È possibile ascoltarci cliccando il link sottostante. Stay turned!

CONDIVIDI
Articolo precedenteXbox Scorpio: finalmente rivelate le specifiche tecniche.
Prossimo articoloCongedo mestruale, una legge contro il “ciclo alta tensione” delle lavoratrici
Francesca Elicio
Determinata, testarda, curiosa e inarrestabile. Con energia da vendere e una voglia di imparare e dare sempre il massimo. Questa sono io in pochi aggettivi. Mi chiamo Francesca, ho 22 anni e sono laureata in scienze della comunicazione. Non mi arrendo quasi mai e cerco di cogliere ogni tipo di opportunità mi capiti. Della mia vita ho già deciso quando avevo 3 anni; anno dopo anno, ho capito sempre più che io senza giornalismo e scrittura sarei come Romeo senza la sua Giulietta, oppure come una giornata senza sole, o come il pane senza la nutella. Ho iniziato a scrivere a 16 anni quando annunciai per prima in Italia l'omicidio di un commerciante del paese. A 20 anni mi sono iscritta all’ordine dei giornalisti. E nel frattempo non faccio altro che studiare e specializzarmi, chissà che non riesca a vincere il Pulitzer un giorno. Idoli? Bhe, il mio mito fra tutti è Emiliano Fittipaldi. Sogni nel cassetto? Lavorare insieme a lui, e perché no, superarlo anche. Vi ho detto anche che sono sognatrice?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here