Torta estiva bigusto alle pesche

0
34

Oggi vi propongo una torta bigusto alle pesche..perchè bigusto? Perchè dopo uno strato biscottato, c’è uno di crema e uno di ganache al cioccolato! Senza dimenticare il sapore delle pesche… davvero squisita 😉

Ingredienti: 

1 pacco di biscotti ai cereali

150g di burro + 1 noce di burro

200ml di panna da cucina

200g di cioccolato fondente

10g di gelatina a fogli

250ml di latte

1 cucchiaio di farina

1 tuorlo

2 cucchiai di zucchero (1 per la crema e 1 per la ganache)

 

Procedimento:

Per prima cosa sbriciolare i biscotti in modo molto fine.

Sciogliere il burro e fallo raffreddare. Una volta intiepidito, unirlo alla farina di biscotti e amalgamare il tutto in modo omogeneo.

Foderare una teglia apribile con carta da forno. Versarci il composto di biscotti e con un cucchiaio livellare il tutto in modo che l’altezza della vostra torta sia la stessa.

Riporre in frigo e far rassodare per circa 2-3 ore.

A questo punto preparare la crema: far ammollare la gelatina in acqua fredda per 10 minuti. In una ciotola inserire il latte, il tuorlo, lo zucchero e la farina e mescolare. Riscaldare leggermente, quindi aggiungere la colla di pesce e mescolare il tutto a fuoco medio fino a quando non si addensi.

Far raffreddare, quindi metterla sulla base di biscotto.

Preparate adesso la ganache. Portate a bollore la panna con lo zucchero e il burro. Una volta raggiunto questo stato, aggiungete il cioccolato fondente. Fate raffreddare e poi riponete sulla base di crema e biscotto.

Fate rassodare per almeno 1 notte.

Decorate con delle fettine di pesca.

CONDIVIDI
Articolo precedenteSaturday Song – Phillip Phillips, il sentimento che va oltre in “Gone, gone, gone”
Prossimo articoloEcco quando non serve la tachipirina
Francesca Elicio
Determinata, testarda, curiosa e inarrestabile. Con energia da vendere e una voglia di imparare e dare sempre il massimo. Questa sono io in pochi aggettivi. Mi chiamo Francesca, ho 22 anni e sono laureata in scienze della comunicazione. Non mi arrendo quasi mai e cerco di cogliere ogni tipo di opportunità mi capiti. Della mia vita ho già deciso quando avevo 3 anni; anno dopo anno, ho capito sempre più che io senza giornalismo e scrittura sarei come Romeo senza la sua Giulietta, oppure come una giornata senza sole, o come il pane senza la nutella. Ho iniziato a scrivere a 16 anni quando annunciai per prima in Italia l'omicidio di un commerciante del paese. A 20 anni mi sono iscritta all’ordine dei giornalisti. E nel frattempo non faccio altro che studiare e specializzarmi, chissà che non riesca a vincere il Pulitzer un giorno. Idoli? Bhe, il mio mito fra tutti è Emiliano Fittipaldi. Sogni nel cassetto? Lavorare insieme a lui, e perché no, superarlo anche. Vi ho detto anche che sono sognatrice?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here