Solstizio d’estate: qualche curiosità sul giorno più lungo dell’anno!

0
34
fonte: amando.it

Ieri, 21 giugno, c’è stato il solstizio d’estate che per la scienza è l’avvio dell’estate astronomica, nonché il giorno più lungo dell’anno. Ecco alcune curiosità da non perdere:

    1. CHE COSA VUOL DIRE, ESATTAMENTE? Dal punto di vista astronomico, il solstizio – dal latino sol, Sole, e –sistere, fermarsi – è il momento in cui il Sole raggiunge, nel suo cammino apparente lungo l’eclittica, il punto di declinazione massima o minima (massima, nel caso del solstizio d’estate). Il Sole culmina allo zenit, nel punto più alto rispetto all’orizzonte del suo percorso annuale.In particolare, il giorno del solstizio estivo (che quest’anno è il 21 giugno), in tutti i luoghi che si trovano a 23°27′ di latitudine nord, i raggi del Sole a mezzogiorno cadono a perpendicolo. Il fenomeno è dovuto all’inclinazione dell’asse terrestre, la stessa ragione per cui abbiamo le stagioni.
    2. PERCHÉ LA DATA DEL SOLSTIZIO NON È FISSA? Il momento del solstizio ritarda di circa 6 ore l’anno per via del fenomeno della precessione degli equinozi (lo spostamento dell’asse attorno al quale la Terra compie la rotazione giornaliera) e torna artificialmente al punto di partenza ogni 4 anni, quando arriva l’anno bisestile che risistema le cose, un artificio inventato per evitare il progressivo scostamento tra il calendario e le stagioni. E questo è anche il motivo per cui il solstizio d’estate cade il 21 giugno quasi sempre… tranne quando cade il 20, come l’anno scorso. Per la stessa ragione il solstizio invernale cade il 21 o il 22 dicembre.
    3. CHE COSA C’ENTRA CON STONEHENGE? Nel giorno del solstizio d’estate, un raggio di Sole attraversa un trilite (una struttura composta da due pietre verticali sormontate da un’architrave centrale) e cade sull’altare centrale del sito archeologico: questo “segno” celeste permetteva agli antichi di individuare il passaggio delle stagioni. Questo grafico della Nasa mostra quale doveva essere l’effetto del Sole al solstizio quando le pietre erano ancora intatte. Ancora oggi, Stonehenge è una delle mete privilegiate il 21 giugno, sia dai seguaci delle religioni di origine celtica, sia da turisti e curiosi.
      fonte:focus.it

       

Fonte:Focus.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here